Blog creato e curato dal Dott. Salvatore Nicolosi - Ordine dei Medici di Siracusa n. 3467 - P. IVA 01776610899

ENERGY DRINK E SALUTE


Che l’uso eccessivo degli Energy Drinks possa essere dannoso alla salute, soprattutto dei soggetti adolescenti, è cosa che si dice da parecchio; la composizione di queste bibite infatti, pur essendo variabile, è tale da produrre significative perplessità nel mondo scientifico.
Le componenti principali sono naturalmente acqua e zucchero, (e già qui vi è una controindicazione specifica all’assunzione da parte dei diabetici), ma altre sostanze, quali la caffeina, sono solitamente rappresentate in concentrazioni piuttosto alte; non mancano aminoacidi, vitamine ed estratti vegetali, questi ultimi a volte con effetti farmacologici non ben studiati; come non sono ben studiati gli effetti additivi e le interazioni dei vari composti.

Un recentissimo studio scientifico, pubblicato su “Pedriatics” di Marzo 2011 mette in guardia la comunità scintifica sull’uso e soprattutto sull’abuso di Energy Drinks in adolescenti e bambini.

OSSIGENOTERAPIA E VENTILOTERAPIA DOMICILIARE, DISTURBI RESPIRATORI DEL SONNO

AGGIORNAMENTO DEL 13/10/2014

Dopo un restyling del sito dell’AIPO la pagina qui segnalata è scomparsa e sono scomparsi i libretti di cui parlo in basso.

I libretti erano però da me stati scaricati per mia cultura; quindi li metto a disposizione dal mio server, ribadendo che si tratta di lavori la cui proprietà culturale è dell’AIPO; se ci fossero problematiche di copyright l’interessato è pregato di segnalarmelo; provvederò immediatamente a quanto necessario.


 

Dal sito dell’AIPO, Associazione Italiana Pneumologi Ospedalieri, una buona iniziativa a favore dei pazienti che utilizzano apparecchiature per alleviare le loro difficoltà respiratorie.

Si tratta di tre “libretti” in formato PDF in cui vengono dettagliatamente spiegati l’utilizzo di alcuni presidi domiciliari a lungo termine e le problematiche relative ai disturbi respiratori del sonno.

Ancora su Autismo e gene RORA

Nel sito http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed, cioè l’archivio in rete delle pubblicazioni scientifiche, è reperibile l’Abstract, cioè un sunto, in inglese relativo alla notizia della scoperta della correlazione tra una alterazione del gene RORA ed autismo. Lo riporto integralmente così com’è.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: