Sentenze riguardanti l’ambito della Pubblica Assicurazione, ma esclusivamente per ciò che riguarda danno alla salute, infortunio, causa di servizio.

ANCORA MOLTO INCOMPLETA.


Corte Costituzionale, sentenza n. 20/2018

” … 

L’eliminazione della pensione privilegiata, attuata nell’ambito di un graduale disegno di armonizzazione, non contrasta, pertanto, sotto il profilo dedotto dal rimettente, con il generale canone di ragionevolezza, che si configura come «principio di sistema», chiamato a orientare le scelte del legislatore in materia previdenziale (sentenza n. 250 del 2017, punto 6.5.1. del Considerato in diritto).

per questi motivi

LA CORTE COSTITUZIONALE

dichiara non fondate le questioni di legittimità costituzionale dell’art. 6 del decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201 (Disposizioni urgenti per la crescita, l’equità e il consolidamento dei conti pubblici), convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011, n. 214, …”


 

Corte dei Conti – Sezione giurisdizionale d’Appello regione Sicilia – Sentenza n. 120/A/2015

E’ una sentenza che segue il filone indicato dall’ordinanza della Corte di Cassazione n. 4325/2014 sulla competenza della Corte dei Conti in materia di Causa di Servizio.

” … non può negarsi al personale ancora in servizio il diritto alla tutela giurisdizionale volta all’accertamento del presupposto necessario – riconoscimento della causa di servizio – per potere successivamente far valere in giudizio il diritto alla pensione privilegiata. … sussiste sempre un interesse concreto ed attuale, anche per il soggetto in attività di servizio, all’accertamento delle condizioni che potrebbero, in ogni momento, poi, consentirgli l’esercizio del diritto alla pensione privilegiata. … “

.

CORTE DI CASSAZIONE – Sezioni Unite – ordinanza n 4325 del 24/02/2014

“… è devoluta alla giurisdizione della Corte dei conti non soltanto la domanda di accertamento della causa di servizio, proposta unitamente alla conseguente domanda di condanna dell’ente al pagamento del trattamento pensionistico, ma anche la sola domanda di mero accertamento della causa di servizio, quale presupposto del trattamento pensionistico privilegiato, atteso il carattere esclusivo di tale giurisdizione, affidata al criterio di collegamento costituito dalla “materia” (cfr. la sentenza n. 5467 del 2009; cfr. anche, ex plurimis, le sentenze nn. 152 del 1999 e 12722 del 2005);. …”

.

CORTE DI CASSAZIONE – Sezione Lavoro – Sentenza n. 13954/2014

“… per il principio dell’equivalenza delle concause dell’evento morbigeno è sufficiente la connessione, nel determinismo causale, con il servizio espletato, affinché possa essere riconosciuta la causa servizio. Questa Corte (Cass., sez. lav.. 9 settembre 2005, n. 17959, rv. 583487) ha affermato – e qui ribadisce – che trova applicazione la regola contenuta nell’art. 41 cod. pen., per cui il rapporto causale tra evento e danno è governato dal principio dell’equivalenza delle condizioni, principio secondo il quale va riconosciuta l’efficienza causale ad ogni antecedente che abbia contribuito, anche in maniera indiretta e remota, alla produzione dell’evento, salvo il temperamento previsto nello stesso art. 41 cod. pen., in forza del quale il nesso eziologico è interrotto dalla sopravvenienza di un fattore sufficiente da solo a produrre l’evento, tale da far degradare le cause antecedenti a semplici occasioni. …”

.

CORTE DI CASSAZIONE – Sezione III Civile – Sentenza n. 2089/2008

La pubblica amministrazione risponde direttamente per le azioni o attività dei suoi funzionari e dipendenti (quali ne siano le mansioni espletate – di concetto, esecutive,materiali) se esse siano state produttive di un danno ingiusto.

.

CONSIGLIO DI STATO – Sentenza 20 marzo 2006, n. 1471

“… Le infermità e le lesioni si considerano dipendenti da fatti di servizio solo quando questi ne sono stati causa ovvero concausa efficiente e determinate (C.d.S., sez. VI, 10 agosto 2000, n. 4429): la concausa può ritenersi efficiente, allorché connota la genesi della malattia (rapporto di causa ed effetto), mentre si qualifica determinante, allorché i fatti di servizio assurgono, invece, a ruolo di elementi preponderanti ed idonei ad influire sul determinismo del male, nel senso che in loro difetto questo non sarebbe insorto od aggravato. …”

.

Corte dei Conti Toscana – Sentenza n. 13 del 1/2/2006

Pensione privileggiata indiretta; le radiazioni ionizzanti come causa di decesso; leucosi mieloide cronica; addetto al reparto di radiologia; riconoscibilità della causa di servizio