La normativa attuale riserva benefici piuttosto importanti al  soggetto dichiarato cieco civile, sia economici che fiscali che di altra natura, ma il lettore di questa pagina preliminarmente deve essere cosciente che questa materia è continuamente modificata da leggi ordinarie, leggi finanziarie, decreti ministeriali e circolari varie e quindi, comunque, dovrà successivamente cercare di ottenere notizie certe dagli organi preposti.

Per i benefici economici e ulteriori notizie suo benefici del cieco civile vedere in QUESTA pagina

AGEVOLAZIONI FISCALI Al SOGGETTO DICHIARATO CIECO CIVILE

Le spese sostenute per ausili tecnici sono detraibili dall’IRPEF nella misura del 19% di quella sostenuta,che però va calcolata su una spesa massima di 18.075,99 euro. Tra gli ausili tecnici rientrano l’automobile utilizzata per il trasporto del soggetto cieco, la manutenzione straordinaria del mezzo ed eventuali spese per adattamenti, ma solo entro i 4 anni dall’acquisto e comunque con il tetto massimo complessivo, compreso quindi l’acquisto, di 18.075,99 euro.

L’automobile intestata al soggetto cieco civile o del familiare di cui risulta fiscalmente a carico può essere acquistata con IVA al 4% (invece che al 22%).

I soggetti ciechi civili, sia totali che parziali, che posseggono un’auto sono esentati dal pagamento del bollo auto; se l’auto è di un familiare, l’esenzione è concessa se il soggetto cieco è fiscalmente a suo carico.

Per le spese sostenute per il cane guida del soggetto cieco è prevista la detrazione forfetaria di 516,46 euro delle spese sostenute per il mantenimento.

Le spese sostenute dal cieco civile per il compenso e i contributi previdenziali di COLF e badanti sono interamente detraibili dal reddito imponibile.

Tutti i presidi tecnologici, informatici e non, utili a facilitare l’autosufficienza, l’integrazione sociale, la riabilitazione, la comunicazione, il controllo ambientale, la qualificazione culturale del cieco civile, possono essere acquistati con IVA agevolata al 4%. In questo caso il beneficio può essere chiesto al venditore producendo copia del verbale di invalidità che dimostra la disabilità visiva e una autocertificazione che attesti l’esistenza di un “collegamento funzionale” tra la disabilità visiva e lo strumento che si deve acquistare (DM 14/03/1998).

AGEVOLAZIONI LAVORATIVE AI SOGGETTI DICHIARATI CIECHI CIVILI

E’ una materia regolata dalle leggi 113/1985, 403/71 e 29/94 che prevedono particolari condizioni di accesso al lavoro di centralinista e fisioterapista.

Con la legge 120/1991 è stato stabilito il diritto di accesso ai concorsi pubblici per attività compatibili con la disabilità fisica.

AGEVOLAZIONI PENSIONISTICHE

 I soggetti ciechi civili totali e parziali hanno diritto ad 1 mese di contribuzione figurativa per ogni 3 mesi di lavoro effettivamente svolto; con questo meccanismo si può raggiungere precocemente l’età pensionabile rispetto agli altri lavoratori; in ogni caso il conteggio del beneficio avviene dal momento in cui viene riconosciuta la condizione di cecità civile. Questo beneficio è eventualmente cumulabile con quello di 2 mesi ogni anno previsto per gli invalidi civili con percentuale di invalidità maggiore del 74%.

 In ogni caso il cieco totale ha diritto ad una riduzione di 5 anni rispetto all’età pensionabile standard (art 9 legge 218/52 poi confermato con il comma 6, art 1 D.lgs 503/1992).

PERMESSI SPECIALI

 Il cieco civile totale o parziale, dichiarato con handicap in condizione di gravità ai sensi del comma 3, art. 3 legge 104/1992, ha diritto:

  • permesso retribuito di 2 ore al giorno oppure di 3 giorni al mese (anche usufruibili, in alternativa, dal familiare), coperti da contribuzione figurativa e validi ai fini del calcolo del Tfr.
  • ha diritto a scegliere, se possibile, una sede più vicina al domicilio (alternativamente questo diritto può essere goduto dal familiare accudente);
  • a non essere trasferito ad altra sede lontana senza uno specifico consenso;
  • congedo speciale retribuito, della durata massima di 2 anni nell’arco della vita lavorativa, ma frazionabile, in favore di genitori, fratelli o sorelle o coniuge.

ALTRO

Ai ciechi civili è rilasciato il permeso per l’accesso alle ZTL e il parcheggio nelle aree riservate ai soggetti con handicap.

Il soggetto riconosciuto cieco totale o parziale, ha diritto ad uno sconto del 20% sul biglietto delle tratte ferroviarie nazionali se viaggia da solo; se viaggia con un accompagnatore, il costo del biglietto per entrambi viene scontato del 50%.

Il soggetto riconosciuto cieco totale o parziale, può viaggiare gratuitamente sui mezzi pubblici urbani ed extraurbani; tale agevolazione, la gratuità del trasporto, può essere esteso anche all’eventuale accompagnatore. Ma in qualche regione può essere differente, quindi occorre informarsi.

Il soggetto riconosciuto cieco totale o parziale ha la possibilità di ottenere uno sconto molto significativo 30%-40% sulla tariffa dei voli nazionali Alitalia per sé e per i propri accompagnatori, ma di tale beneficio, indicato su diversi siti, però nel sito dell’Alitalia non ho trovato tracce – attendo conferme.

Agli utenti ciechi totali e agli utenti nel cui nucleo familiare sia presente un soggetto cieco totale è riconosciuta la fruizione gratuita di almeno novanta ore mensili gratuite di navigazione Internet da postazione fissa” (fonte: AGENAS 07/01/2017)

Il cieco civile ha diritto ad esprimere il proprio voto nelle consultazioni elettorali facendosi accompagnare da persona di fiducia; il beneficio va richiesto all’ufficio elettorale del comune producendo idonea documentazione rilasciata dall’INPS o dalla USL che attesta la minorazione visiva

Anche la firma di un soggetto cieco ha validità legale e le conseguenze di quest’atto devono da lui essere rispettate; il cieco civile ha la facoltà di farsi assistere da altra persona di fiducia che firma accanto alla sua attestando la propria condizione di assistente o testimone.

Il cieco o ipovedente può richiedere la nomina di un amministratore di sostegno.